Oggi ho ricevuto la telefonata di una signora disperata: aveva comprato un depuratore, non meglio specificato, che le era stato propinato come “gratuito”. In realtà aveva pagato ben 5000 euro per uno stock di filtri pari a 10 cambi annuali. Sul mercato l’apparecchio in questione potrebbe valere circa 1200/1600 euro, mentre Io stock di filtri ha un costo di circa 300/400 euro. Tra l’altro, la signora doveva cambiare i filtri da sola. Il bravissimo venditore, che aveva ottenuto l’appuntamento presso la sua abitazione, era riuscito a manipolarla a tal punto da farle credere di aver fatto un grosso affare. Inoltre, come ho già detto, la signora in questione doveva cambiare i filtri da sola, quindi nel prezzo non era compresa neppure la manutenzione periodica. Purtroppo, dopo poco tempo, l’apparecchio ha presentato problemi di malfunzionamento e la signora ha chiamato la ditta per l’assistenza: silenzio assoluto.

Di storie simili di pubblicità ingannevoli ne potrei raccontare a bizzeffe. Questi venditori d’assalto mirano a ottenere un appuntamento con la scusa di un sopralluogo (non sempre necessario). Una volta entrati in casa, manipolano il cliente in vari modi.

Purtroppo costoro ledono, oltre al consumatore, anche la credibilità dei professionisti del settore.

Vendita emozionale

Procediamo per gradi. Cerchiamo innanzitutto di capire i meccanismi di questo tipo di vendita cosiddetta “emozionale”, in quanto mira a catturare il cliente facendo leva sui timori, sulla illusione del grande affare, sullo status symbol.

Quindi chiediamoci: conosco qualcuno disposto a regalarmi la sua merce?

Una vendita emozionale comporta per il gestore un elevato aumento delle spese e, pertanto, del costo iniziale dell’apparecchio. Deve pagare le costose pubblicità ingannevoli e fuorvianti alle radio, le spese di gestione dei telefonisti del call canter e i venditori di mestiere. Non importa se questi ultimi conoscano a malapena la formula dell’acqua H2O, l’importante è che sappiano vendere: depuratori, aspirapolveri, materassi ecc. I venditori più spregiudicati e senza scupoli utilizzano stratagemmi ingannevoli chimici e fisici che danno un aspetto disgustoso all’acqua potabile di acquedotto. L’acquirente intimorito, per tutelare la propria salute e quella dei figli, non si fa remore a spendere. É bene ricordare, a questo proposito, che l’acqua di rete è sempre potabile.

Riappropriarsi del proprio potere di scelta

Sottrarsi alle manipolazioni non è sempre facile. Un metodo che mi sento di suggerire è quello di non lasciarsi catturare dal telefonista o dalla pubblicità ingannevole di acquisti facili, ma decidere autonomamente di rivolgersi, con i propri tempi e modalità, a un negozio o a una società specializzata, la cui tracciabilità è indiscussa: indirizzo, sito web, mail, telefono.

Questo modus operandi permette, inoltre, di scegliere il prodotto più adatto alla singole esigenze. Invece di comprare un generico depuratore, l’unico oggetto propinato dallo scaltro venditore, è possibile analizzare se sia meglio installare un’osmosi con accumulo o diretto, un frigogasatore piuttosto che filtri a carbone o, semplicemente, un addolcitore per eliminare il calcio dall’acqua a beneficio di elettrodomestici, caldaia, tubazioni dell’acqua calda.

Se state considerando di dotarvi di un sistema di filtrazione per migliorare la qualità dell’acqua di rubinetto e non comprare più quella in bottiglia, ebbene questo è il momento giusto. Con l’intento di ridurre la quantità di bottiglie di plastica da smaltire, deleterie per l’ecosistema, il Governo ha previsto un bonus di € 500 sul credito d’imposta per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare. L’agevolazione è valida fino a dicembre 2022.

Sorgiva Srl, leader nel settore trattamento acque

La società Sorgiva si occupa di trattamento acque da oltre 25 anni e, nel corso del tempo, ha soccorso innumerevoli malcapitate vittime dei venditori “mordi e fuggi”. Ha inserito, su richiesta, i loro nominativi nel database dell’azienda che provvede a ricordare le scadenze delle manutenzioni ordinarie: cambio filtri e membrane, revisione e disinfezione dell’apparecchio. I tecnici Sorgiva, infine, intervengono per qualsiasi guasto o malfunzionamento.

Per ulteriori informazione o per parlare con un tecnico basta telefonare allo

065501052

oppure scrivere una mail a contatti@sorgiva.info

visita il nostro sito www.sorgiva.info