Esistono vari tipi di sistemi anticalcare per rimuovere la durezza dell’acqua. Sorgiva propone gli addolcitori a scambio ionico e i magneti  (*). I primi utilizzano speciali resine a scambio ionico attraverso cui viene fatta passare l’acqua da addolcire, i secondi  forzano l’acqua  attraverso un campo magnetico che provoca la dissociazione molecolare dei sali duri (ioni di calcio e magnesio). Sulla base della nostra esperienza ventennale nel settore del trattamento delle acque, noi di Sorgiva consigliamo l’installazione di addolcitori a scambio ionico. Questi apparecchi sfruttano la capacità di speciali resine di catturare nell’acqua gli ioni positivi di calcio e magnesio scambiandoli con gli ioni di sodio. Sebbene si tratti di un sistema più ingombrante rispetto ai magneti e presupponga interventi di manutenzione, abbiamo potuto constatare sul campo che questo sistema garantisce appieno, in tutte le situazioni, i risultati richiesti. I magneti  non sempre ottengono l’effetto desiderato e,  come scrive Wikipedia, “non esistono dati di laboratorio o spiegazioni meccanicistiche che dimostrino scientificamente l’efficacia di questo metodo”.

(*) Non sono presi  in considerazione i filtri con polifosfati, comunemente utilizzati sotto le caldaie, in quanto si ritiene siano poco efficaci e sconsigliabili per acque destinate all’alimentazione.

 

Addolcitori

L’utilizzo di acqua addolcita comporta una serie di vantaggi: riduce le incrostazioni calcaree nelle tubazioni, nei boilers e negli elettrodomestici, abbatte notevolmente i consumi energetici e dei detersivi. Il sistema è composto da una bombola contenente resina a scambio ionico, dimensionata in base alla portata necessaria e ai consumi giornalieri, da un serbatoio per lo stoccaggio del sale e la preparazione della salamoia e, infine, da una valvola centralizzata necessaria per le operazioni di rigenerazione.

 

 

 

 

Magneti 

I magneti sono dispositivi anticalcare che si fissano nei punti chiave delle tubature e costituiscono un’alternativa fisica per la riduzione delle incrostazioni calcaree causate dall’acqua.